Trasporto transfrontaliero rifiuti

Da sabato 7 aprile 2012 è in vigore il D.L. 9 febbraio 2012 recante disposizioni urgenti in materia di semplificazione (???) e di sviluppo in cui viene apportata una modifica al D.L.gs 152/96 in cui è prevista la richiesta, da parte delle Aziende che svolgono trasporti transfrontalieri di rifiuti, di una dichiarazione effettuata dall’Autorità del Paese di destinazione in cui dovrà risultare che all’interno della propria legislazione nazionale non vi siano norme ambientali meno rigorose di quelle previste dal diritto comunitario, ivi incluso un sistema di controllo sulle emissioni di gas serra e che, l’operazione di recupero nel paese di destinazione, sia effettuata con modalità equivalenti, dal punto di vista ambientale, a quella prevista dalla legislazione in materia di rifiuti del paese di provenienza.

Premesso quanto sopra, vi è il rischio reale che vi sia un “blocco” delle operazioni di export verso i paesi extra UE in quanto risulterà estremamente difficoltoso reperire (pensate a paesi quali Cina, Pakistan, ecc..) la suddetta dichiarazione da parte dell’Autorità.

Associazioni di categoria hanno già chiesto alle commissioni parlamentari la cancellazione dell’articolo di legge citato o apposito chiarimento al fine di risolvere, nel più breve tempo possibile, questa situazione paradossale che si è venuta a creare.

Attualmente il consiglio è quello di rimanere in costante contatto con le proprie società di logistica le quali, avendo i rapporti diretti con le dogane, avranno la reale percezione dell’ammissibilità o meno della specifica esportazione considerando che, non appena vi saranno interpretazioni ministeriali in merito, Vi saranno immediatamente comunicate tramite lo spazio news del presente sito e/o redazione di apposita circolare.

La situazione che si è venuta a creare può essere risolta esclusivamente, al momento, con l’ottenimento della sopra elencata dichiarazione da parte dell’Autorità del Paese di destinazione o con un “passo indietro” ministeriale.

Lascia un commento